mercoledì 3 settembre 2008

Per fortuna che c'è Uolter...


L'Italia ha tanti problemi di suo. Poi c'è il Governo Berlusconi che li amplifica, anche se riesce a far credere agli italiani di aver fatto miracoli.
Ma noi non facendoci mancare nulla abbiamo anche quella persona che all'anagrafe si chiama Walter Veltroni. Lui è proprio l'uomo dei MIRACOLI! E' sì, è riuscito in tutte quelle imprese in cui il suo fido rivale non riuscì. Ed eccole qui:

1) Riabilitare Berlusconi. Nell'inverno scorso a cavallo fra il '07 e '08, quando Silvio Berlusconi fu lasciato solo dai suoi compagni di alleanza (Fini, Bossi e Casini), avrebbe dovuto solamente cercare una intesa con i 3 e Berlusconi sarebbe stato fuori dai giochi. Invece isolò i 3 "isolatori" e cercò l'intesa con il Cavaliere ridando prestigio alla sua leadership e rimettendolo in posizione di forza! (Malissimo)

2) Far cadere il Governo. A fine inverno riuscì nell'impresa di minare il (pietoso) Governo Prodi. Quando annunciò che avrebbe corso da solo.
«Quale che sia il sistema elettorale, o il testo Bianco o il referendum o l’attuale legge elettorale – ha detto senza mezzi termini – voglio dire con chiarezza che il Pd si presenterà con le liste del Partito democratico. E se Forza Italia avesse il coraggio di fare altrettanto – invita Veltroni – sarebbe un enorme conquista per la democrazia italiana».
E così mise in "tremendo" allarma tutti quei mini partiti (in special modo quelli di Dini e Mastella), che rimanendo fuori dai giochi politici fecero affondare la nave con tutti i filistei. Il grande Uolter è riuscito in poco tempo dove Berlusconi aveva fallito per mesi. E senza comprare senatori od offrire veline... (Bene)

3) Estinguere i comunisti. E' riuscito in un'altra impresa in cui Berlusconi pur mettendoci da anni tanto impegno e risorse ha sempre fallito. Cioè far scomparire la sinistra radicale (e di questo caro Professore te ne sono immensamente grato). Già perché chiedendo all'elettorato il "voto utile" si è mangiato quasi tutti quelli dei comunisti... Con il risultato di tenerli fuori dal Parlamento italiano. Mai successo dal 1948 a oggi:-) (Benissimo)

4) Dare Roma alla destra. Ha consegnato la città di Roma alla (presunta) dx. Neanche questo era mai successo se non scendiamo ai tempi del Ventennio fascista.
Essendosi dimesso da Sindaco di Roma per approdare al comando del PD ha scelto e appoggiato la candidatura di Rutelli. Quest'ultimo è stato sindaco di Roma prima di Veltroni e questo molteplice "scambio" di chiavi della città non è piaciuto per niente alla cittadinanza romana... Che infatti ha cassato brutalmente Rutelli al ballottaggio. Il nostro Uolter poi dirà: "è una sconfitta che sento mia"... Caro mio, fai bene, perché è tutta tua:-) Poi diciamocelo, quando era sindaco non ha fatto granché per i romani (parlo di cittadini comuni, non della buona borghesia). (Bene)

Concludendo possiamo dire che il nostro amato Walter una volta perse (nettamente) le elezioni ha fatto un altro po' di errori. Intanto ha creduto (e sta continuando a crederci...) a Berlusconi quando diceva che serviva dialogo per costruire insieme le riforme. Peccato che erano le solite balle (fece la stessa cosa 10 anni fa con la Bicamerale di D'Alema, ma a quanto pare le lezioni passate non servono), e infatti alla prima curva l'ha fatto andare dritto.
Poi continua a fare una opposizione inesistente (quelli del PD sono chiamati i: "diversamente concordi") ribadendo il fatto che serve il dialogo... Dico ancora????? Ma probabilmente è molto soft perché anche il suo gruppo ha molti interessi in ballo!

Per finire, caro Walter, quali altri "miracoli italiani"ci farai vivere e conoscere???
Attendiamo pazienti...
Posta un commento