sabato 17 gennaio 2009

Guerra israelo - palestinese? C'è chi ringrazia...


In questi giorni l'intera informazione si è catapultata sull'infinita guerra israelo - palestinese. La vicenda è ciclica, si riapre inesorabilmente ogni tot di tempo perché i problemi di quella terra sono difficilmente superabili se entrambe le parti non rinunciano a qualcosa.
L'informazione si nutre di questi fatti, ne trae linfa vitale riuscendo a rendere remunerativa la guerra e la morte. L'Italia ringrazia.


Questa enorme onda mediatica che sta invadendo le nostre tv non fa altro che mettere in ombra dei problemi che dovremmo sentire più vicini.
Il nostro emerito governo sta sfruttando questa empasse per lavorare più pacificamente sugli obiettivi che si è prefissato;
La Riforma della Giustizia, la modifica della Costituzione. Nella seconda elencata il lavoro deve essere silenzioso e soprattutto passare inosservato, perché il PDL da solo non può cambiare la Costituzione senza l'appoggio di una parte di opposizione. Che fra l'altro è già orientata a questa idea, ma con un lavoro di convincimento fatto all'ombra potrebbe risultare ben più veloce dei tempi prefissati.

Anche in Rete la scia israelo - palestinese sta lasciando il segno. Gli articoli, i blog ed editoriali convergono quasi univocamente verso questa infinita guerra. Ne è stato colpito involontariamente anche Marco Travaglio, per delle e-mail di oltre 2 anni fa e per un editoriale sull'Unità del 1999 dove privatamente (sempre che le e-mail non siano state modificate) si schierava a favore della causa israeliana. Nei suoi blog non si parla di altro, come se avesse espresso un pensiero in questi giorni invece che anni fa. E' vero che Travaglio è persona seria e coerente e probabilmente oggi la pensa come allora, ma forse andrebbe analizzato il contesto, il tempo e il modo in cui ha esternato queste idee.
Annozero, una delle poche trasmissione serie rimaste, ha fatto la stessa cosa. Allora mi chiedo: se non ci pensano queste persone (tranne l'intro di Travaglio) a sputtanare le innumerevoli fregature che ci propinano i nostri governanti, chi ci pensa?

Di sicuro non Berlusconi, che anzi ringrazia. Di sicuro non Veltroni, che sonnecchiata beatamente.


Saluti

19 commenti:

Sabatino Di Giuliano ha detto...

E tra un po' avremo un'altra scusa per dormire sonni tranquilli e farci infinocchiare dal governo di turno:
Il Festival di Sanremo

♥gabrybabelle (^..^) ha detto...

A parte cio' che hai scritto-l'invito del precedente commento nel mio(ormai precedente post) era per leggere un commento in cui spegavo che...bhe...ma ora se vuoi ce n'è una impellente causa fresca di cio' che sta succedendo-Sono d'accordo che forse l'argomento ci ha fuorviato un po' dai nostri problemi casalinghi Italioti,ma non ne sono cosi sicura,o meglio i nostri politici pensano questo questo (forse)ma vedrai che presto dovranno ricredersi- E so'anche qual'è la ragione per cui hai scritto quel che hai scritto su Trvaglio,ma dichiarazioni simili sue sono anche dei nostri giorni.tanto che ieriad annozero ha tentao un timido approccio in risposta agli argomenti in essere in puntata,(essendo leggermente contrario...sai com'è)
ma poi si è per cosi dire affievolito nella sua risposta-In fondo cane NON mangia cane,è sempre vero il detto e lui la da Santoro ha fatto la sua fortuna,se non altro per i suoi libri.
Continuo a stimarlo perchè tiene alta la guardia ma guardo anche con sospetto questo strano modo che ha di leggere gli eventi storici di questa sporca guerra-Come vedi gli argomenti si intrecciano ancora!
ciao e buon w.e. Emy,
Gabrybabelle©®

Andrew ha detto...

ho scritto la mia opinione sulla vicenda Annunziata da Santoro, se vuoi vieni a dare un occhiata

Calliope ha detto...

Non si dovrebbe rinunciare ma credo sarebbe giusto accordarsi col buon senso che nessuno ha!
Ed il governo nostro sta a guardare..ma non son stelle ma lampi di incoerenza e di inutili confronti (che non ci sono) tra maggioranza ed opposizione)
Ciao Emiliano buona giornata.

Silvia ha detto...

Purtroppo, il governo italiano, notoriamente, non aspetta altro che ci siano situazioni drammatiche che possano distrarre l'opinione pubblica dai loro sporchi intrallazzi! (ma tanto, a ben pensarci, pure se non siamo distratti... non li fanno lo stesso i loro intrallazzi???).

Che tristezza, che Paese...

:*-(

Laura ha detto...

effettivamente è vero, quando ci sono dei fenomeni così, come la guerra in medio oriente, spesso si utilizzano come strumenti mediatici e diventano un modo per non parlare di altri argomenti..speriamo che i politici comincino a riformare per bene il nostro paese, collaborando, in modo che una volta usciti da questo periodo di crisi l'economia possa ripartire

confinidiversi ha detto...

sono daccordo che grazie alle notizie sul conflitto si stia facendo il gioco delle tre carte nascondendo alcune notizie.
Il fatto è che anche senza una guerra, lo fanno lo stesso.

Bruno ha detto...

infatti lo psiconano è da un po' che non si fa sentire (a parte la barzelletta schifosa raccontata in sardegna) intanto gli eventi mediatici stanno gia' facendo il loro lavoro......

Emi ha detto...

purtroppo il potere controlla l'informazione...non tutta ma quella di massa sì, e quindi noi dobbiamo essere più intelligenti da saper scegliere l'informazione non manovrata(semmai esiste...) anche se in quel momento la corrente cerca di travolgerci da un'altra parte...ps magari dopo la guerra israelo palestinese si tornerà sulla mucca pazza:)
ps bella l'immagine...spunto di riflessione:)
a presto e buona domenica da Emi

Peppe ha detto...

Ciao, scusami per l'assenza ma ho seri problemi a casa. A presto.

Marina ha detto...

Ciao, dal mio punto di vista siamo un popolo di fancazzisti, non siamo piu' capaci di reagire...anzi piu' che popolo direi un inutile ammasso di carne.
Piuttosto cominciamo a non guardare piu' certi tg, boicottare l' audience puo' servire.
A presto un bacione

Ale ha detto...

aggiunto ;)

Ale ha detto...

no no..io intendevo proprio la lista dei blog :D
io quando inserisco un blog nella mia lista amici, mi metto anche come lettore... :)

Lliri blanc ha detto...

Son veramente giorni tristi...
c'è chi invoca la pace e chi specula sulle sofferenze altrui...
un abbraccio

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Avrei voluto scrivere su ciò ma sinceramente non trovo ragione né da una né da l'altra parte.
La guerra con tutte le ragioni non può permettersi di prendersela con i civili e con i più deboli.
Poi per il resto gli italiani parlavano di Prodi di mortadella ma quella cel'hanno sia negli occhi sia nelle orecchie.
Perciò ancora non hanno capito niente (guarda l'abruzzo e poi vedremo la sardegna il ns clown è andato lì a fare nuove battute)
Pertanto si meritano tutti i Berlusca Bossi Capezzone e Calderoli vari.
Scusa ma oggi mi gira un pò
Ciao buona settimana Sisifo

3my78 ha detto...

Come sempre, grazie a tutti/e per aver participato. E' un tema importante.

Willo ha detto...

RIPORTO DAI SILENTI

Grande 3my73, hai raccolto il passaggio e hai messo in rete!!! Sono davvero contento che continui a scrivere su questo blog, specialmente quando abbiamo idee contrastanti. Aiuta a ragionare e a dubitare.

Allora, ti risponderò a questo post con un paio di domande. Ripeto, domande, non retorica. Le domande servono a fare riflettere. Non sempre necessitano di risposte. Spesso di risposte non ce ne sono.

Ma sarà vero che il confitto israelo-palestinese si possa risolvere solamente se entrambe le parti rinunciano a qualcosa? Sarebbe davvero facile allora…

Ma sarà vero che Travaglio e co. fanno luce sui misfatti dei criminal-politici per il bene dell’Italia? Oppure il loro zelo tiene buoni i dissidenti, con bocconcini stuzzichevoli di cosiddetta controinformazione?

Le maracherelle dei nostri politici sono vergognose, ma non significano niente in confronto alla vita di un bambino. Per questo credo che in questo momento sia giusto dare piú risalto alla tragedia palestinese che alle manfrine dei boss di destra e sinistra.

Tanto poi i problemi dell’Italia sono cronici. Non si risolvano. Gli interventi di Grillo e Travaglio sono solo dei placebi, temo.

Ciao grande!!

3my78 ha detto...

Willo: Grazie Willo per la fiducia, ricambiata
Guarda non lo so se basta rinunciare a qualcosa per far smettere il conflitto. Però magari sarebbe un inizio. Mi chiedo se realmente ci sia questa volontà e non parlo della cittadinanza, ignara, ma di chi ha smoso e smuove i fili.
Un aspetto molto difficile da sciogliere è la questione Gerusalemme. Così com’è non vedo via d’uscita se entrambe le parti non convergono a qualche idea comune. I cittadini israeliani hanno metabolizzato il fatto che la palestina debba avere un suo stato, ma Gerusalemme dove la mettiamo? Non può essere capitale di 2 stati e neanche la si può suddividere. Troppe radici storiche, religiose da ambo le parti per pensare a qualcosa di concreto in questo senso.
La domanda posta su Travaglio… Mi sembra sia condivisa anche da Bernard. Non credo possa esserci un uomo illuminato che porta la verità divina su tutto e tutti. Però penso che ci siano persone che ti ci facciano avvicinare. Sinceramente a Travaglio sono molto legato perché mi ha cambiato il modo di ragionare.
Non so se l’ho mai accennato, ma fino a pochi mesi, cioè fino a quando usavo internet soltanto per giocare, stare a cazzeggio etc. etc. la mia fede politica era orientata a destra e votavo Berlusconi e credevo a tutto ciò che dicevano le tv. Ho passato 10 anni a leggere il Giornale e il Corriere della Sera,a guardare il Tg4, tg5 e tg1. A sorbirmi Matrix e Porta a Porta ritenendoli grandi fari di democrazia. Ero convinto che Giancarlo Caselli fosse un magistrato che avesse strani rapporti mafiosi, ti rendi conto? Questo grazie a Sgarbi che quotidianamente tirava merda sulla magistratura e io ritenendolo uomo di grande cultura mi dicevo: “beh se lo dice lui…”.
Un giorno per caso comprai un libro di Marco Travaglio. Non lo conoscevo bene, sapevo solamente (quello era il mio pensiero di allora) che era stato da Luttazzi a dire un sacco di cazzate su Berlusconi e per quel motivio, giustamente, avevano epurato Luttazzi.
Iniziai a leggere il libro pensando: “sto comunista di merda chissà le cazzate che dirà!”. E infatti leggendo trovavo tutto il contrario di ciò che avevo sempre creduto e pensato. In cuor mio un sassolino del dubbio era stato lanciato, ma ancora non ero pronto e quindi dicevo “Travaglio mistificatore comunista”. In Rete, su youtube la stessa cosa. Se potevo dare contro a Travaglio lo facevo. Spesso prendendo spunto dal sito Forza Italia. Questa empasse è durata un po’, ma pian piano quel sassolino del dubbio diventava sempre più grande fin quando, per amore personale, sono arrivato alla fase dei confronti. E’ stata una decisione sofferta, perché nel momento che accettavo di contrapporre le diverse campane era come mettere in discussione i miei 10 anni passati. 10 anni in cui avevo creduto a determinate cose. Avevo il timore che avessi buttato 10 anni…
Il primo confronto fu su Mani Pulite. Libro di Pamparana che spiegava come le sinistre erano scampate a Mani Pulite, anzi come le avevano fatte scampare e come invece avevano tirato la croce su Craxi. In molti aspetti Pamparana e Travaglio sono concordi, ma la tragedia era quando mi accorgevo che Pamaparano ometteva situazioni e dettagli. Dettagli che stravolgevano la situazione presa in esame. Mentre Travaglio no, spiegava torti e ragioni senza andare da una parte sola. Quello fu un momento drammatico, politicamente parlando. Ma da lì iniziai a volerne sapere di più e cominciai ad usare internet per documentarmi su tutto. Beh ho capito che quei 10 anni erano veramente stati buttati nel cesso.
Oggi ascolto più campane, da quella del buon bernard, da travaglio a grillo. persino i sermoni di Facci, seppur sia un franco tiratore. Qusto mio rimettere in discussione ogni cosa mi ha portato anche ad altre riflessioni. Te lo potrà dire Jury come la pensavo sulla questione Torri gemelle. Io ero pro Bush, mai avrei pensato che uno stato potesse buttarsi giù torri e uccidere propri cittadini innocenti. Quante litigate con Jury. Questo perché mi affidavo esclusivamente sulla Tv e giornali. La Rete mi ha trasmesso anche questi dubbi. Questo non significa che pensi al complotto, però oggi sono disposto a parlarne, perché oggi come oggi tante domande non hanno risposta… E i dubbi sono tanti, forse troppi.
Per concludere, quello che voglio dirti è che non prendo travaglio come il messia. Però questo percorso di paragoni fra diverse idee mi porta più vicino al suo pensiero. Credo che l’importante sia informarsi e confrontare le diverse teorie e qualcosa di buono ne uscirà sempre. Se sei imformato è più difficile farselo mettere in culo :D

Renato d'Andria ha detto...

Nel nostro sito stiamo anche noi tentando di promuovere una campagna di sensibilizzarzione al fine di convincere la comunità internazionale a svolgere un efficace azione per risolvere il conflitto Israelo-Palestinese. Purtroppo è difficile convincere due popoli, Israeliti e palestinesi, a sospendere il conflitto quando sono disposti entrambi a dare la vita pur di mantenere il dominio su quel territorio che per loro ha un valore più religioso che politico. C'è un sito molto interessante che tratta proprio il tema del conflitto Israelo Palestinese con articoli di giornalisti sensibili a questa teminatica, il sito si chiama
http://www.genesijournal.org/renatodandriait/2008/gennaio/index.php
Vale la pena di visitarlo. A presto.