lunedì 16 febbraio 2009

clEMENTE MASTELLA candidato con il PDL



Qualcuno cominciava a sentire la mancanza politica di Clemente Mastella?
Se così fosse posso rassicurarlo annunciandogli che il nostro tornerà in pompa magna candidandosi alle europee! Indovinate con chi? Ma in seno al PDL che quando si tratta di prender su cani e porci (mi scuso con tutti i cani e porci se dovessero sentirsi offesi per la citazione) non si tira mai indietro.


Se devo essere sincero in cuor mio temevo che ci fosse questo grande ritorno. Il Clementone dopo aver girovagato per tutte le tv nostrane, con appuntamento fisso su Rai 2 a Quelli che il calcio, aveva una gran voglia di riprendere quella carriera trentennale di fancazzismo clientelare e familiare, nonché politico, che tutti conosciamo. E pazienza se prende una pensione come giornalista dopo soli 6 mesi di lavoro, pazienza se ha usato e usa fondi pubblici destinati al Campanile (giornale del partito con tiratura di 30 copie al mese) per scopi personali e familiari. Pazienza se ha affossato l'inchiesta Why Not solo perché probabilmente c'era dentro fino al collo e pazienza se usa la politica come ufficio di collocamento per amici e parenti. Pazienza se ha fatto cadere un governo per 10 senatori promessi e pazienza per tante altre cose che non aggiungerò in quanto non avrei abbastanza tempo per elencarle tutte.

Mastella si sa è amante del vento e si spinge sempre verso le temperature migliori... Una volta a dx, una a sx, una al centro... Insomma dove c'è poltrona c'è Mastella.
Mi chiedevo: ma portare uno come lui nel proprio gruppo non fa perdere voti invece che guadagnarne? Ma all'italiano medio berlusconiano il fatto che il Clementone vada con il PDL non fa venire alla mente riflessioni sul proprio partito? A me ne farebbe venire tante, molte di più di quelle che già ho.


Saluti
Posta un commento