giovedì 21 aprile 2011

Il 12-13 giugno non facciamoci fregare e andiamo tutti a votare per i Referendum!


Salve,
oggi voglio parlare del referendum... come molti di voi sapranno il 12-13 giugno si terranno i referendum sul nucleare, sull'acqua privatizzata e sul legittimo impedimento.
Bene... anzi male, perché il nostro governo sta cercando in tutti i modi di boicottarli... e vi domanderete, perché? I motivi principali sono 2:

1) Non voler perdere consensi alla tornata amministrativa di fine maggio in quanto sanno benissimo che insistere sul nucleare in Italia in un momento così drammatico (vedi Giappone) potrebbe far storcere il naso a molti... e questo dimostra che il potere dei nostri governanti, o almeno di buona parte di loro, è rivolto esclusivamente al mantenimento delle poltrone e non al reale pericolo che queste scelte potrebbero portare per la cittadinanza tutta! A fare fede è l' indiscrezione colta sulla Prestigiacomo che diceva: "È finita, non possiamo mica rischiare le elezioni per il nucleare. Non facciamo cazzate. Bisogna uscirne, ma in maniera soft. Ora non dobbiamo fare nulla, si decide tra un mese". E lei insieme a Romani era quella che mordeva chiunque dicesse no al nucleare, anche subito dopo le drammatiche notizie dal Giappone!!! Quindi meditate su questi individui...

2) (Per Berlusconi il più importante) come vi dicevo all'inizio insieme al nucleare e all'acqua c'è anche il referendum per il legittimo impedimento e indovinate chi è che beneficia di questo legittimo impedimento? Sì, proprio lui, B.! Quindi capirete che ha tutto l' interesse che meno gente vada a votare e meglio è perché così non si raggiungerebbe il quorum necessario per convalidare i referendum e per far ciò sapete che si è inventato? Si è inventato un emendamento nel quale l’esecutivo ha deciso di fermare il programma “al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche”. Ma badate bene è solo una cosa temporanea... cioè il governo non dice Stop al nucleare, dice solamente " per ora ci fermiamo, poi tra un mese, 2, 3 se ne riparla..." cioè rinizieranno a tessere la tela del nucleare! Ma perché lo fanno? Semplicemente per poter togliere la voce NUCLEARE dal referendum che sarebbe il cavallo trainante che porterebbe il popolo ad andare a votare e se poi votano sul nucleare la crocetta probabilmente la metteranno pure sull'acqua e anche, il terrore di Berlusconi, sul legittimo impedimento! Quindi vogliono togliere il Nucleare dal referendum solo ed esclusivamente per questo motivo e lo testimoniano le dichiarazioni di oggi dello stesso Romani che dice: “Il referendum che chiamerà i cittadini fra qualche settimana al voto sarà su un programma di fatto superato”. Ma lo sarebbe se non fosse un semplice arrivederci a giugno ma se fosse un addio permanente... e a lui fa eco Matteoli che rincara: “con l’emendamento in questione vengono abolite tutte le norme su cui si fa il quesito”. Ma non solo loro la pensano così, anche il deputato Ceroni (clicca qui per capire chi è) dice in maniera ancora più netta le intenzioni del governo. Sentite un po': “La sovranità popolare si manifesta votando a favore, contro, o non votando”... “Dubito che si raggiungerà il numero di votanti che possa convalidare la tornata, dopo l’emendamento approvato ieri, sul nucleare”. Tutto chiaro no? Cmq ora vi dico chi è Ceroni; è un deputato che ha presentato qualche giorno fa una proposta di legge nella quale vuole cambiare l'art. 1 della Costuzione. Oggi la Costituzione dice che "L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. »... questo Cesaro la vorrebbe cambiare così: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e sulla centralità del Parlamento“. Avete capito bene!!! Sulla centralità del parlamento!!!

Speriamo solamente che l’ufficio centrale della Cassazione decida per far sì che il referendum si faccia ugualmente!

Comunque ritornando al Nucleare avrete capito che il No del governo è solo un trucco. Più che un NO lo si può chiamare un breve arrivederci e ai motivi per i quali vogliono boicottarlo ci si arriva velocemente a comprenderli... in parole povere congelare il nucleare qualche mese, il tempo di passare il referendum, per poi ritirarlo fuori e riniziare la marcia nuclearista italiana e facendo così salverebbero B. dal referendum sul legittimo impedimento, tutelerebbero le multinazionali sopra all'acqua, non inciderebbero sulle amministrative e riprenderebbero poi il nucleare senza nessun bastone tra le ruote!!!
Poi un' altra cosa scandalosa che hanno fatto è stato non accorpare il referendum alle amministrative e questo rientra sempre nei motivi del cercare di mandarci meno gente possibile. Potevano farli insieme e avrebbero risparmiato pensate un po' almeno 400 milioni di € che dovremo pagare noi cittadini! Di tutto ciò ringraziate pure il Pdl e la Lega che con Maroni hanno deciso questo scempio sperando che il 12-13 giugno la gente sia la mare e non nelle cabine elettorali a dare la sua preferenza!

Concludo il video dicendovi di fare un passaparola serrato perché nell'informazione tradizionale e cioè tv e giornali non passerà niente perché sapete benissimo a chi sono in mano... e da quel che so secondo i sondaggi il 70% degli italiani non sa che il 12 giugno si voteranno i referendum... quindi informate più gente possibile e il 12-13 giugno non prendete appuntamenti perché sono questioni che contano non solo per il nostrofuturo ma anche per quello dei nostri figli...

Saluti
Posta un commento